Chi siamo

Come fare il 1° Marzo 2014

Bakeca

Contatti

Che il bene e il giusto coincidano col nostro tempo: buon 2010!

venerdì 1 gennaio 2010

Come aderente al gruppo FB "Gli africani salveranno Rosarno"* ho ricevuto questo messaggio di inizio anno da Giuseppe Pugliese. Desidero condividerlo con i visitatori del nostro blog e con i sostenitori di Primo marzo 2010.
NB: per chi fosse di Rosarno e dintorni, la tradizionale marcia della Pace di Marcia della Pace di San Giorgio Morgeto (che comincia alle ore 18) quest'anno sarà dedicata ai migranti.

"Care e cari,
che sia un anno di pace, serenità e consapevolezza.
Oggi desideriamo augurarVi una coincidenza: che il bene e il giusto coincidano con il vostro tempo, con la vostra volontà, con le vostre passioni e con i vostri desideri.
Questo è l'augurio semplice che facciamo a chi, come voi, ha deciso di non voltarsi dall'altra parte davanti alla vicenda dei migranti della Piana di Gioia Tauro, braccianti agricoli che ogni anno si spostano nelle regioni del sud Italia e trovano impiego in agricoltura.
Ecco il punto, che molto spesso sfugge a tanti: non stiamo parlando di mendicanti che ogni anno vengono nella Piana e tendono la mano in attesa che qualcuno dia loro qualcosa da mangiare, stiamo parlando di esseri umani che vengono qua per lavorare, e lo fanno, ma in una condizione di invisibilità a causa delle leggi vergognose che regolano l'immigrazione nel nostro paese.
A questo aggiungiamo la volgare e sudicia campagna mediatica ad opera di servi del potere, dell'arroganza e dell'egoismo che da anni martellano i nostri timpani con insopportabili bugie, che definiscono sbarchi i soccorsi in mare, che mettono nel calderone dei "clandestini" figure giuridiche ben definite.
Siamo asolutamente certi che ogni persona dotata di un minimo di onestà intellettuale, fosse anche il più scettico degli scettici, rivedrebbe le sue convinzioni se conoscesse un pò meglio l'argomento, se sapesse cos'è un foglio di via, un permesso di soggiorno, un decreto flussi, una sanatoria e sopratutto, se conoscesse la Convenzione di Ginevra e i numeri dell'immigrazione in tutta Europa, ma sopratutto se conoscesse la propia storia.
A chi, come voi, pensa che sia semplicemente, ovviamente, banalmente giusto pretendere la difesa della loro dignità di esseri umani e di lavoratori, che sia semplicemente, ovviamente, banalmente giusto che le istituzioni tutte si facciano carico di questa vicenda e mettano in atto una volta per tutte una politica di accoglienza seria, formale e strutturata nei confronti dei lavoratori stagionali, a chi come voi sente di dover fare la propria parte affinche ciò avvenga, diciamo grazie, grazie per come siete e per quello che fate e grazie perchè leggete questo messaggio.

P.S. Stasera alle 18:00 saremo alla Marcia della Pace di San Giorgio Morgeto, che quest'anno è dedicata ai migranti. Il parroco don Salvatore La Rocca ha messo a disposizione un autobus per i ragazzi che vorranno parteciparvi, al più presto vi faremo un resoconto della giornata."

*Gli africani salveranno Rosarno è il titolo di un libro di cui raccomandiamo vivamente la lettura.

4 commenti:

metropoleggendo ha detto...

Bella questa idea! che si accorgano tutti che senza di loro ci spegneremmo

2 gennaio 2010 11:07
Anonimo ha detto...

senza di loro vivremmo molto meglio
la mia speranza è che non ci sia un primmo marzo senza di loro ma tutta la vita senza di loro
siete masochisti ed autolesionisti
purtroppo la mamma degli imbecilli è sempre incinta soprattutto in occidente
altrove le mamme generano terroristi

9 gennaio 2010 17:59
tootsie ha detto...

se gli 'anonimi' avessero lo stesso coraggio e forza delle loro parole, non avrebbero bisogno di niente, nulla e nessuno, ancor meno di sciorinare la loro vastità culturale e apertura mentale nel web... ;-)
auguri e buon pro!

10 gennaio 2010 00:15
Anonimo ha detto...

Gli Italiani si sono dimenticati troppo in fretta (strano proprio nel Sud di Italia) che per tutto il secolo scorso erano loro ad arrivare come immigrati in diversi paesi europei ed in America, accompagnati appena da una valigia di cartone....ma forse ci si accanisce proprio con la parte di sè per la quale, per limitatezza mentale e provinciale, si prova vergogna.

Una immigrata italiana privilegiata in Germania che con orgoglio indosserà il nastro giallo per questa occasione.

10 gennaio 2010 12:17

Posta un commento